Paterson

paterson6b

Sono i sogni di Laura che creano la possibilità nelle giornate di Paterson? La possibilità di vedere concretamente un sogno attraversare la strada, scendere dall’autobus, aspettare in macchina. La possibilità di contribuire a tutti quei sogni, l’opportunità di vederli crescere.
E’ la capacità di Paterson di vedere tutto in versi ad alimentare i sogni di Laura?

Il silenzioso orologio magico di Paterson segna più o meno sempre la stessa ora quando lui si sveglia la mattina accanto alla sua Laura e in silenzio inizia la giornata.
Lui e Marvin si guardano, ma chiaramente non si piacciono.
Conduce l’autobus numero 23 per le strade di Paterson, New Jersey; sentiamo i discorsi dei passeggeri.
Le pause dal lavoro riempiono il taccuino, poche linee si trasformano in poesia.
La sera la cassetta della posta è sempre da rimettere a posto e la parete delle celebrità al pub riserva sempre qualche nuovo aneddoto sulle personalità nate o vissute a Paterson, New Jersey.
Come nella poesia che ascoltiamo dai suoi pensieri, Paterson beve una birra, guarda il fondo del bicchiere ed è contento.

Accompagnato dalle geometrie in bianco e nero di Laura e dai grugniti del bulldog Marvin, di cui si prende cura con serena indulgenza, Paterson crea bellezza che condivide solo con la sua musa. E anche quando il suo mondo crolla, come fosse una punizione per la scelta di vivere in un ventunesimo secolo retrò, gli viene donata una pagina vuota e le infinite possibilità che essa presenta.
Perché Paterson è l’adolescente seduta su un muretto in attesa della mamma o il turista giapponese che ti dice che “La poesia tradotta è come fare la doccia con l’impermeabile”. Perché la poesia è essenza. E a tutti noi è data la possibilità di cercare l’arte e la poesia nella cose della vita.

Fluttuiamo in un’atmosfera di semplice bellezza quasi surreale; ci divertiamo ad ascoltare i due ragazzini in fuga di Moonrise Kingdom (di Wes Anderson, 2012), adesso adolescenti e ultimi anarchici in città, mentre discutono del famoso anarchico che proprio a Paterson, New Jersey, ispirò la ribellione degli operai della seta all’inizio del ‘900; ci culliamo nella possibilità reale dell’amore tra persone che si accettano per quel che sono, senza giudicarsi, bulldog compreso.

Ispirato dai versi e dall’arte dei poeti legati a Paterson, New Jersey, il film è un tenero omaggio alla capacità di creare il bello dalla quotidianità, alla poesia come ispirazione di vita e non mestiere; celebrazione della parte nascosta, del “non evidente”, delle piccole cose che seppur all’apparenza insignificanti, sono parte intrinseca della vita stessa.
Paterson è poesia in immagini.


Paterson – Stati Uniti, 2016
regia di Jim Jarmusch


Annunci

Solo gli amanti sopravvivono

11.solo_gli_amanti_300x168

E’ la formella del Ghiberti che ritrae Adamo ed Eva sulla Porta del Paradiso del Battistero di Firenze che attira l’attenzione di Eve.

Adam ed Eve, i primi amanti, gli amanti eterni; in presenza, anche se lontanissimi tra loro. Tangeri e Detroit.

E dalla misteriosa e antica Tangeri Eve viaggia per ricongiungersi al marito nella decadente e abbandonata Detroit, pur sempre pulsante di vita.

Pian piano scopriamo in Adam ed Eve due splendide e affascinanti creature, testimoni e artefici occulti di secoli di arte e conoscenza. E testimoni dell’incredibile ambivalenza degli zombie, gli esseri umani, capaci di grandi bellezze e di terribili atrocità, capaci di distruggere con le loro stesse mani ciò che di bello hanno creato. Capaci di contaminare il loro stesso sangue.

Scopriamo l’esistenza di esseri eterei ed eterni, che chiamano ancora le cose con il loro nome scientifico e le cui creazioni spesso giacciono all’ombra di ben più famosi zombie.

In un gioco di simbolismi, le città riflettono gli umori dei due protagonisti, come la contrapposizione cromatica del loro abbigliamento.

Adam la “canaglia suicida”, la cui sensibilità non riesce più a tollerare il modo in cui gli zombie trattano il mondo.

Eve la luce che completa Adam, che lo sprona ad appigliarsi al bello, che esisterà finché ci sarà acqua sulla terra.

In un’atmosfera vintage e surreale, inevitabilmente notturna, rafforzata da una colonna sonora languida e ossessiva, tra citazioni e rimandi cinematografici, musicali, letterari e scientifici, il film si rivela una ballata romantica; un appassionato omaggio all’amore e alla passione creativa, divertente e incredibilmente ammaliante.

Solo gli amanti dell’amore, dell’arte, della conoscenza, della natura, sopravvivono; gli altri sono zombie senza passione, per definizione vivi solo in apparenza.


Solo gli amanti sopravvivono (Only Lovers Left Alive) – Gran Bretagna, Germania, Francia, Cipro, Stati Uniti, 2013
regia di Jim Jarmusch