Virgin Mountain

34.virgin_300x168

Fúsi ha da poco superato i quarant’anni, lavora come addetto ai bagagli in aeroporto e assiste quotidianamente alle partenze degli altri; lui invece non è mai andato da nessuna parte. Abita con la mamma, dalla quale non si è mai staccato. Vive esperienze che il suo unico amico dice di aver vissuto da bambino. Fa colazione nello stesso modo in cui probabilmente la fa sin da piccolo, cereali al cioccolato e latte. Il latte è il suo drink preferito.

Tutti conoscono la sua routine. Il ristorante thai del venerdì sera, i giri in macchina ascoltando la musica metal, la telefonata serale al deejay, gli appuntamenti con l’amico per giocare con dettagliatissime riproduzioni di famose battaglie, quella di El Alamein in particolare.

Fúsi è una montagna di bambino timido e impacciato, bullizzato dai colleghi, silenziosamente e subdolamente sopraffatto dalla mamma. La bambina appena trasferitasi nel palazzo è l’unica che può entrare in connessione con lui; insieme giocano, e nella feroce contrapposizione tra il mondo degli adulti, diffidente e pauroso, e quello dei bambini, ingenuo e spontaneo, l’innocenza del gioco sfiora il confine di ciò che un adulto ritiene accettabile e per il quale facilmente si spende in brutali stigmatizzazioni.

La routine viene però interrotta dal regalo di compleanno che Fúsi riceve dall’intraprendente compagno della mamma; un corso di danza country. Tentenna Fúsi, e inizialmente rinuncia, ma l’incontro fortuito con Sjöfn innesca un processo di affermazione e un’apertura verso l’altro a lui finora sconosciuti.

Entra nel mondo adulto Fúsi, impara a prendersi cura di qualcuno sapendo di non ricevere nulla in cambio, si adopera con le sue doti da tuttofare e il mondo intorno a lui sembra dirgli che è la strada giusta. Un nuovo gruppo di colleghi che lo coinvolgono e lo rispettano; una inaspettata e pacata fermezza nel contrastare la madre; la consapevolezza nuova di non essere il solo, nelle solitudini e nelle sofferenze.

A volte pensiamo di potergli vedere l’anima talmente da vicino riusciamo a guardarlo negli occhi, ed è nella sua anima che abita la verginità e l’imponenza del suo corpo è solo necessaria a racchiudere e proteggere un animo troppo gentile e puro.

Una favola sulla maturazione, tenera e coinvolgente, “Fúsi” ci suggerisce che non è mai troppo tardi per emanciparsi da una condizione di isolamento, geografico e personale, che solo le connessioni con altri esseri umani affrancano da questi isolamenti e che è sempre possibile trovare il coraggio di salire su un aereo e decidere di allontanarsi dalla propria personale Islanda.


Virgin Mountain (Fúsi) – Islanda, 2015
regia di Dagur Kári


Annunci